Come scegliere un buon influencer per la propria azienda

By | 27 febbraio 2017

Foto da blogs.adobe.com

Sempre più brand scelgono di promuovere i loro prodotti e la loro immagine attraverso personaggi che godono di una consistente influenza sul web e, più in particolare, sui social network. Sembra infatti che la scelta di un buon influencer ripaghi sempre gli investimenti economici fatti, consentendo anche un discreto margine di guadagno; secondo uno studio di Tomoson, nel 2015 per ogni dollaro messo a budget ne sono stati guadagnati 6,5.

Scegliere di investire nell’ Influencer Marketing, però, richiede molta attenzione, soprattutto per quanto riguarda la scelta della persona che deve rappresentare la propria azienda online. Ogni social network è caratterizzato da proprie dinamiche di acquisizione di nuovi fan e follower, per tanto, è necessario che l’influencer sappia come muoversi in questo ambito; fare influencer marketing non significa vendere un prodotto o una marca e associarla a una faccia conosciuta, bensì trovare un soggetto in cui il brand possa riconoscersi e che possa rappresentarlo al meglio.

Per trovare l’influencer giusto si possono scegliere due strade. La prima consiste nell’affidarsi a Business4People, un’agenzia di social media marketing di Milano, che negli ultimi anni ha sviluppato un’innovativa piattaforma di influencer marketing, chiamata Voicr, in grado di connettere tra loro un’azienda, che necessita di promuoversi sul web, e l’influencer più adatto alle sue esigenze. Business4People opera nel campo del social marketing dal 2009, fornendo servizi di web listening e social CRM a tutte le imprese che hanno bisogno di monitorare costantemente la loro presenza online e sviluppare strategie e campagne social allo scopo di migliorare la propria brand awareness.

L’altra strada consiste nell’analizzare con attenzione 3 aspetti fondamentali.

Il primo concerne i follower inattivi. Sono molti i profili che presentano un audience fittizio, composto da utenti fake e robots, e non conviene a nessuno parlare a una community di cui molti membri non esistono.

Il secondo punto riguarda il tasso di interazione, uno degli elementi più importanti per scegliere un influencer. Normalmente più aumenta il numero di follower, più diminuisce il tasso di interazione; questo significa che non sempre l’influencer più seguito rappresenti la scelta giusta per il proprio brand.

Infine, un altro aspetto da prendere in considerazione riguarda il numero di follower locali; è importante, infatti, avere un raggio d’azione geolocalizzato e limitato per evitare inutili sprechi di denaro. Per ottenere dei buoni risultati da una campagna di Influencer Marketing occorre che l’area di interesse sia ben definita.